Giampiero Poggiali Berlinghieri
spazio che gioca come elemento costitutivo della forma astratta
 
un lieu de rencontre
pour l'Art et de Créativité…
informations sur l'artiste
 
les textes sont présentés avec les langues proposées par l'auteur
profil
salle pas-ordinaire
Italia (Italie) 




Nasce a Firenze il 17 luglio 1936. L’esordio della sua attività artistica è del 1968 e segna il termine di un'accelerata fase di ricerca e di formazione autodidatta, con la prima mostra personale presso la Galleria Inquadrature di Firenze. Curata da Nicola Micieli, esce per le edizioni Pomo d’Oro di Padova la sua prima monografia Poggiali opere 1972-1986 . Per La Casa Usher, con testi di Rolando Bellini e Nicola Micieli, esce nell’ottobre del 1991 la monografia Poggiali-opere 1987-1991 e nel 1993, per le edizioni ArteStudio 53, con testo di Michel Pierre e una poesia di Teodolinda Coltellaro Il sogno progettuale della poesia. Nello stesso anno realizza presso le officine Poggi di Corsalone (AR) la sua prima grande scultura Ares di acciaio inox. La sua ricerca e la sua opera finiscono per svilupparsi per cicli tematici e formali. Sin dagli anni Sessanta, Poggiali nei suoi primi paesaggi sintetici rivisita il Secondo Futurismo e s'immerge nel clima della Pop Art italiana, esperienze poi risoltesi nel ciclo Adesivi 1972-75. Ha in seguito affrontato i temi Nuovi racconti 1976-77, The new space 1978-80, Structural dream 1981-82, Germogli & G.E.R.MO.G.L.l. 1983-85, Phisis 1985-86, con opere nelle quali era costante l’attenzione al problema dello spazio. Spazio immaginato e rappresentato mediante architetture fantastiche e strutture geometriche. Spazio che gioca come elemento costitutivo della forma astratta.

pour envoyer un message à l'Artiste

 

galerie principale



galerie ambienti



galerie quadri