Irina Fedorova
una bambina che crede che l’acqua ha
 
un lieu de rencontre
pour l'Art et de Créativité…
informations sur l'artiste
 
les textes sont présentés avec les langues proposées par l'auteur
profil
salle peinture
Россия (Russie) 




Irina Fedorova nata il 30 Ottobre 1969 a Leningrado (oggi San Pietroburgo - Russia), laureatasi con il massimo dei voti in lingue e letteratura straniera presso l’Università Statale di San Pietroburgo, cresciuta in una famiglia intellettuale (suo padre è uno dei maggiori ricercatori letterari russi); fin da piccola, appassionata d'arte, frequenta diversi corsi di formazione, tra i quali il corso di disegno artistico presso la scuola n° 301 di Leningrado.
L’atmosfera della città d’arte come San Pietroburgo contribuì nello sviluppo estetico dell’artista.
“Io dipingo in diverse tecniche e lavoro con molti soggetti perché mi piace la vita con la sua ricchezza di colori, sfumature e sentimenti,- dice Irina.- Noi tutti rimaniamo un po’ bambini, sensibili, fragili, istintivi. Pure dentro di me vive una bambina che crede che l’acqua ha un’anima, che i fiori parlano tra di loro e che le favole esistono.” Attualmente, l’artista vive e dipinge in Italia, partecipando alle mostre culturali.
Il 23 aprile 2005 Irina Fedorova ha vinto il Premio Artistico Internazionale "Padre Pio" per la sua interpretazione pittorica sul tema "L'Amore, la Giustizia e la Pace del Mondo" ed è stata premiata con la Medaglia di Padre Pio Beato con la reliquia. I lavori della pittrice sono stati apprezzati dal presidente della giuria, Fondatore del Neoimpressionismo Romano e Unionismo, Cavaliere della Repubblica Italiana, Maestro Luciano Gasbarri. Nell'ottobre 2005 la pittrice Irina Fedorova ha partecipato nel Concorso Internazionale d'Arte San Crispino, svoltasi a Porto Sant'Elpidio ed organizzato dalla"Tavolozza" del Maestro Fernando Calvà, vincendo La Medaglia d'Oro ( 1^ Premio alla Memoria, Bitunni Maria Calva'). Il suo lavoro è stato eloggiato dal Maestro Fernando Calvà, il critico d'arte Dott.Maurizio Vitiello ed il critico d'arte slovacco Dott.L'uboslav Moza. Il Dott. Maurizio Vitiello ha caratterizzato lo stile dell'artista come"un'esplosione contratta della vitalità non repressa".

pour envoyer un message à l'Artiste

 

galerie principale